Le aziende prevedono di utilizzare palloncini per andare nello spazio nel 2024

Quasi la metà degli americani vuole viaggiare nello spazio.

Ma ciò significa che l’altra metà no, secondo un 2021 sondaggio di ValuePenguin, uno dei siti web di ricerca finanziaria di LendingTree. Quasi il 40% ha affermato che viaggiare nello spazio è troppo pericoloso, mentre altri sono preoccupati per l’impatto ambientale e i costi.

Presto ci sarà un’opzione che risolve queste preoccupazioni, secondo le compagnie che prevedono di inviare passeggeri nello “spazio” tramite palloni ad alta quota.

In realtà, i palloncini salgono a meno della metà della distanza dalla definizione tecnica dello spazio, ma è comunque quasi tre volte superiore alla maggior parte dei voli commerciali e abbastanza in alto da vedere la curvatura della terra.

Piuttosto che un lancio di razzi da brivido, i palloncini sono “molto delicati”, ha affermato Jane Poynter, co-CEO di Prospettiva spazialeche spera di portare i passeggeri nella stratosfera nel 2024.

Non ci sono “G alti” che contorcono il viso, non è richiesta la formazione e nemmeno i viaggi rilasciano emissioni di carbonio, ha detto.

La compagnia con sede in Florida sta usando l’idrogeno per alimentare i suoi viaggi di sei ore, che secondo Poynter saranno così fluidi che i passeggeri potranno mangiare, bere e camminare durante il volo.

L’idrogeno viene salutato come il “carburante del futuro” — una potenziale fonte di energia rivoluzionaria che potrebbe alterare la dipendenza del mondo dai combustibili fossili.

Ma dopo una serie di conversazioni con persone del settore, CNBC Travel ha riscontrato una mancanza di consenso sulla sua sicurezza.

Cosa c’è di nuovo?

I palloncini stratosferici non sono nuovi: sono stati utilizzati per la ricerca scientifica e meteorologica dall’inizio del XX secolo.

Ma il trasporto di gruppi di passeggeri paganti al loro interno lo è.

L’ex pilota dell’aeronautica americana Joseph Kittinger (a sinistra) e il temerario austriaco Felix Baumgartner (a destra) – due di un piccolo gruppo di persone che sono andate nella stratosfera in mongolfiera – al “The Tonight Show with Jay Leno” l’8 giugno 2012.

Paul Drinkwater | NBC universale | Getty Images

Poynter faceva parte del team che ha aiutato l’ex dirigente di Google Alan Eustace batte il record mondiale di caduta libera quando è saltato da un pallone stratosferico a quasi 26 miglia sopra la Terra.

Mentre Eustachio è appeso sotto un pallone con indosso una tuta spaziale, i passeggeri di Space Perspective viaggeranno via a capsula pressurizzata, che può ospitare otto viaggiatori e un pilota, ha detto. La capsula è supportata da un sistema di paracadute che è stato pilotato migliaia di volte senza fallo, ha detto.

“In tutte le conversazioni che abbiamo con le persone, la sicurezza è la prima cosa che viene fuori”, ha detto Poynter durante una videochiamata dal Kennedy Space Center della Florida. “Questo è davvero il modo sicuro di andare nello spazio.”

Un “problema di pubbliche relazioni” di 85 anni

Nel dicembre 2017, un pallone pieno di idrogeno è esploso presso le strutture di Tucson, in Arizona, di una società di palloni stratosferici chiamata World View Enterprises.

A quel tempo, Poynter era il CEO di World View. Lei e il suo partner in affari e marito Taber MacCallum hanno co-fondato World View nel 2012. Hanno lasciato l’azienda nel 2019 e hanno formato Space Perspective lo stesso anno.

I co-CEO di Space Perspective, Taber MacCallum e Jane Poynter. Insieme ad altri sei, all’inizio degli anni ’90 hanno trascorso due anni all’interno del terrario chiuso noto come Biosfera 2.

Fonte: Prospettiva spaziale

Un rapporto dell’Arizona Division of Occupational Safety and Health, ottenuto dalla CNBC ai sensi del Freedom of Information Act, affermava che un manager in loco sospettava che l’elettricità statica avesse acceso l’idrogeno. Secondo il rapportol’incidente è avvenuto durante una prova a terra, mentre il pallone veniva sgonfiato, e non ha provocato ferite gravi.

Una scarica elettrostatica, cioè una scintilla di elettricità statica, quella Si ritiene che il gas idrogeno infiammabile acceso abbia causato il disastro del dirigibile Hindenburg nel 1937.

Ma Peter Washabaugh, professore associato di ingegneria aerospaziale presso l’Università del Michigan, ha affermato che l’idrogeno è stato accusato in modo inappropriato dell’incidente di Hindenburg.

“Il rivestimento esterno del veicolo era infiammabile. Non è chiaro cosa abbia preso fuoco per primo: la copertura o l’idrogeno”, ha detto. “Il velivolo è stato utilizzato in modo aggressivo durante una tempesta… Direi che è stata negligenza operativa.”

Washabaugh ha affermato che i progressi tecnologici hanno reso l’utilizzo dell’idrogeno più sicuro.

“Molte cose sono cambiate negli ultimi 100 anni”, ha detto, osservando che i materiali per palloncini più recenti “sono specificamente migliori nel contenere l’idrogeno”.

Un rendering dell’interno della capsula “Neptune” di Space Perspective.

Fonte: Prospettiva spaziale

Robert Knotts, un ex ufficiale di ingegneria della Royal Air Force britannica e attuale membro del consiglio della Airship Association inglese, è d’accordo.

È coautore di un articolo sulla Royal Aeronautical Society, un ente professionale per la comunità aerospaziale, in cui si afferma: “I materiali e i sensori moderni potrebbero Dirigibile a idrogeno sicuro come qualsiasi dirigibile a elio.”

Menziona l’idrogeno con i dirigibili o i palloncini e “la mente di tutti torna all’Hindenburg – questo è il quadro che hanno”, ha detto, definendo l’incidente un “importante problema di pubbliche relazioni” per il gas.

Nel frattempo, l’idrogeno è ora utilizzato per alimentare le auto elettriche, mentre gli aerei di linea (“Dio sa quanti litri di carburante ci sono a bordo”) comportano anche rischi di incendio intrinseci, ha affermato.

Dibattito su elio contro idrogeno

L’attuale CEO di World View, Ryan Hartman, ha dichiarato alla CNBC che i suoi voli in mongolfiera per il turismo spaziale, il cui lancio è previsto nel 2024, saranno alimentati a elio.

Dopo aver notato che “la nostra azienda è un’azienda molto diversa oggi”, ha affermato: “La nostra decisione … è puramente dal punto di vista del voler fare qualcosa che sia il più sicuro possibile per i passeggeri”.

Ha definito l’uso dell’idrogeno per trasportare passeggeri nella stratosfera “un rischio inutile”.

Hartman ha affermato che l’idrogeno viene utilizzato per lanciare palloncini quando “il rischio è basso”, il che ha senso, ha affermato, perché è più economico ed è un gas di sollevamento di altissima qualità.

Un rendering di una delle capsule spaziali di World View, che verranno lanciate dagli spazioporti vicino al Grand Canyon degli Stati Uniti e alla Grande Barriera Corallina australiana nel 2024.

Fonte: Visione del mondo

Nel 2018, Poynter, all’epoca CEO di World View, lo disse alla CNBC World View non usa l’idrogeno con i suoi sistemi di palloncini.

Ma la sua nuova azienda, Space Perspective, sta ora scegliendo di usarla per entrare a far parte del economia dell’idrogeno in rapida crescitalei disse.

“L’elio è molto scarso ed è necessario agli ospedali per i test per i malati più gravi, nonché per lanciare satelliti di comunicazione e condurre ricerche importanti”, ha affermato. “Con la carenza di elio già in atto, è insostenibile utilizzare l’elio per i voli del turismo spaziale su vasta scala”.

Inoltre, “è stato dimostrato che l’idrogeno è molto sicuro come gas di sollevamento”, ha affermato.

Un movimento verso l’idrogeno?

La decisione di Space Perspective fa parte di a movimento più ampio per tornare all’idrogenoha affermato Jared Leidich, ex dipendente di World View e attuale Chief Technology Officer presso la società di immagini aeree di palloni stratosferici, Cielo urbano.

“L’idrogeno può essere assolutamente un gas sicuro”, ha detto, notando che c’è “un sacco” di precedenti per usarlo in altre regioni del mondo.

Per quanto riguarda se avrebbe cavalcato un pallone nella sua stratosfera: “Assolutamente”, ha detto Leidich. Idrogeno o elio? Non importa, ha detto, osservando che l’idrogeno può rendere più sicuri aspetti della corsa “perché è un gas di sollevamento più efficiente, l’intero sistema può finire per essere più piccolo, il che ha alcuni vantaggi a cascata”.

Ha detto di aver già prenotato un posto – e pagato un deposito rimborsabile di $ 1.000 – per un volo Space Perspective.

Knotts ha anche detto che la scelta del gas “non mi darebbe fastidio, francamente”.

Altri non erano così sicuri.

Kim Strong, fisica dell’atmosfera e presidente del Dipartimento di Fisica dell’Università di Toronto, ha detto alla CNBC che “si sentirebbe più al sicuro con un pallone pieno di elio”.

Ma Washabaugh dell’Università del Michigan ha detto che è sul recinto di cavalcare in una mongolfiera stratosferica.

“Non importa se fosse H2 o He”, ha detto in una e-mail. “Sono solo più appassionato di un veicolo a motore”.

Una transizione complessa

Il discorso persistente di un’imminente carenza di elio ha portato “quasi tutte” le società di palloncini con cui Leidich lavora a sviluppare sistemi compatibili con idrogeno ed elio, ha affermato.

La società di immagini di palloncini stratosferici con sede a Brooklyn Near Space Labs attualmente utilizza l’elio, ma il CEO Rema Matevosyan ha affermato che sta esplorando l’utilizzo dell’idrogeno in futuro.

“I vantaggi dell’idrogeno ci sono. Ci sono anche tutti i problemi con l’idrogeno e lo sanno tutti”, ha detto. “Sarà una transizione molto complessa… ci vorrà ricerca… la domanda per questo guiderà anche parte della ricerca”.

Spazio EOS Xuna compagnia di palloni stratosferici con sede a Madrid che si prepara a lanciare voli per il turismo spaziale dall’Europa e dall’Asia, sta pianificando il passaggio.

“Il primo test di volo del prossimo trimestre sarà alimentato dall’elio”, ha affermato il fondatore e presidente Kemel Kharbachi. Ma “i nostri ingegneri e il team di sviluppo e innovazione stanno lavorando con l’idrogeno in modo da poter essere i primi prima del 2024 ad avere questa tecnologia”.

Il rischio, o anche la percezione del rischio, sarà un ostacolo significativo.

Lars Kalnajs

Laboratorio di Fisica dell’Atmosfera e dello Spazio dell’Università del Colorado

Altri stanno attaccando con l’elio.

Jose Mariano Lopez-Urdiales, fondatore e CEO della compagnia di palloncini stratosferici con sede a Barcellona Zero 2 Infinitoha detto alla CNBC che i viaggi in mongolfiera per il turismo spaziale della sua compagnia utilizzeranno l’elio “ovviamente”.

“I nostri investitori e clienti vogliono evitare a tutti i costi questo tipo di fuochi d’artificio”, ha detto via e-mail, facendo riferimento a un video di YouTube che mostra l’esplosione del pallone di prova a terra di World View.

Tuttavia, non ha escluso l’utilizzo dell’idrogeno in futuro, affermando che la sua compagnia potrebbe, dopo “alcune migliaia di voli a idrogeno riusciti, introdurlo a poco a poco in modo controllabile per i voli ad alta quota con equipaggio”.

Lars Kalnajs, ricercatore presso il Laboratory for Atmospheric and Space Physics dell’Università del Colorado, è d’accordo, affermando che l’uso dell’idrogeno potrebbe essere una battaglia in salita poiché il turismo stratosferico è un’impresa nuova e non provata.

“Il rischio – o anche la percezione del rischio – sarà un ostacolo significativo”, ha affermato, “almeno fino a quando la sicurezza dell’intero sistema non sarà molto ben dimostrata”.

Non esattamente “spazio”

Mentre Hartman e Poynter potrebbero non essere d’accordo su quale gas di sollevamento usare, entrambi hanno affermato che i viaggi in mongolfiera sono molto più sicuri dei viaggi spaziali basati su razzi e molto più economici.

I biglietti per la capsula di World View costano $ 50.000 per posto, mentre Space Perspective sta attualmente prenotando i posti per $ 125.000. Entrambe le compagnie hanno affermato che tutti i voli con sede negli Stati Uniti sono esauriti nel 2024.

Eppure, a differenza di Virgin Galactic, Blue Origin e SpaceX, i palloncini stratosferici non si avvicinano allo spazio, ha affermato Kalnajs. La maggior parte dei palloni viaggerà da 30 a 40 chilometri (da circa 19 a 25 miglia) di altezza, che non è al di sotto del confine spaziale riconosciuto a livello internazionale – la cosiddetta “Linea Karman” – fissato a 100 chilometri sul livello del mare.

Tuttavia, è abbastanza alto da vedere la “sottile linea blu iconica” dell’atmosfera terrestre, ha detto Poynter.

I partecipanti siedono in un prototipo di capsula World View esposto al festival SXSW tenutosi ad Austin, in Texas, nel marzo 2022.

Fonte: Visione del mondo

John Spencer, fondatore e presidente della Società del turismo spazialeha detto che i palloncini stratosferici fanno parte della “comunità spaziale”.

“Per quanto mi riguarda, stanno fornendo un’esperienza spaziale con i loro voli in mongolfiera – e molte più persone possono sperimentare di quelle che saranno disposte a salire su un razzo”, ha detto.

Spencer ha detto di essere un amico di Poynter e del suo partner, MacCallum, ed è interessato a prendere un volo in mongolfiera con la loro compagnia.

“Ma preferirei vederli usare l’elio”, ha detto.